Crea sito

Tutti intercettabili? Pirati italiani, facciamoci sentire dal nostro governo!

Il Partito Pirata Europeo chiede a tutti i pirati europei di fare pressione sui propri governi affinché fermino la risoluzione che vorrebbe rendere obbligatorio l’inserimento di backdoor sui sistemi di cifratura presenti all’interno dei più comuni sistemi di messaggistica.

Per fare questo ha lanciato un comunicato esplicativo e ha predisposto il testo di una lettera che ciascun cittadino o associazione può inviare ai membri del proprio governo (qui scaricabile in formato pdf o in formato odt).

Il comunicato va inviato entro le ore 12 di domani 12 novembre!

Ricordiamo che la risoluzione è del Consiglio d’Europa, formato dai membri dei singoli governi nazionali, e non del Parlamento Europeo.

L’invio di lettere o petizioni all’Europarlamento è perciò sostanzialmente inutile mentre è importante fare pressione sui propri governi.

Di seguito riportiamo il testo del comunicato e il testo della lettera

Bruxelles, 11/11/2020 – Lunedì il National Service Broadcaster austriaco (ORF) ha pubblicato una bozza segreta della prevista risoluzione del Consiglio che cerca di sterilizzare la crittografia. Secondo la risoluzione, i servizi di messaggistica come Whatsapp devono consentire ai governi di decifrare e intercettare le comunicazioni online sicure. I pirati fanno appello alla responsabilità dei rappresentanti dei servizi pubblici per sostenere e proteggere il diritto fondamentale alla privacy e alla sicurezza della nostra infrastruttura di comunicazione digitale.

Chiediamo anche a VOI, utenti di Internet, di contattare i vostri governi prima della scadenza di domani (12:00).

La proposta è in linea con i regolari attacchi dei governi alla crittografia sicura dei contenuti, realizzati con il pretesto della lotta alla criminalità organizzata e al terrorismo.

Non esiste una “backdoor parziale” per le comunicazioni online. Alla sicurezza di tutte le nostre comunicazioni deve essere data la priorità. Questa è stata la chiara posizione del Parlamento europeo dal 2017, ed è anche la massima priorità dei pirati”, afferma Marcel Kolaja, vicepresidente dei pirati del Parlamento europeo. 

“Contrariamente a quanto i governi vorrebbero farci credere, dobbiamo scegliere tra intercettazione e sicurezza. Coloro che vogliono sacrificare la crittografia sicura per consentire l’intercettazione distruggeranno la protezione di segreti privati, segreti aziendali e segreti di stato e apriranno la porta allo spionaggio di massa da parte dei servizi di intelligence stranieri e agli attacchi degli hacker “, spiega il pirata Patrick Breyer, MEP tedesco.

“È tecnicamente impossibile concedere l’accesso a comunicazioni crittografate in modo sicuro esclusivamente per scopi” legali “. Non appena i servizi di messaggistica consentono la decrittazione delle comunicazioni private, ad esempio implementando backdoor o fornendo chiavi principali, la sicurezza delle comunicazioni viene interrotta una volta per tutte, non solo per gli scopi “legittimi” previsti dai governi nazionali “, aggiunge Mikuláš Peksa, eurodeputato e presidente del Partito pirata europeo. 

“Contrariamente a quanto sostenuto dalla Presidenza, non esiste una via di mezzo tra la difesa dei ‘diritti fondamentali e la sicurezza digitale dei governi, dell’industria e della società’ e la violazione della crittografia sicura end-to-end. Pertanto, chiediamo un rigetto rigetto della proposta da parte dei rappresentanti del governo nazionale. Chiediamo ai cittadini europei di aiutarci ora e di contattare immediatamente i loro governi “, sottolinea Markétka Gregorová, eurodeputata pirata ceca. 

Questo è il motivo per cui abbiamo preparato le lettere che possono aiutarti a contattare le tue rappresentanze permanenti   dell’UE in ogni paese. Inoltre, abbiamo tradotto il testo in alcune lingue europee.

Fine del comunicato

La lettera è scaricabile qui in formato pdf in formato odt

Questo è l’ indirizzo e-mail  della rappresentanza permanente del governo italiano:
email: rpue.rpue@esteri.it
PEC: rap.ue.bruxelles@cert.esteri.it

Di seguito il testo della lettera:

Gentile Signora o Signore,

mi rivolgo a Lei per esprimere le mie più profonde preoccupazioni in merito alla prevista risoluzione del Consiglio sulla crittografia[1] pubblicata dall’emittente austriaca ORF il 3 novembre 2020.[2] La bozza di risoluzione richiede soluzioni tecniche che consentano alle autorità nazionali di porre fine alla crittografia efficace e sicura end-to-end sui servizi di messaggistica privata. I governi nazionali sono stati invitati a presentare il loro contributo entro giovedì 12 novembre a mezzogiorno. Successivamente, la Presidenza intende presentare il testo al Comitato permanente per la cooperazione operativa in materia di sicurezza interna (COSI) per l’approvazione il 19 novembre, in vista di un’ulteriore presentazione al COREPER II il 25 novembre, seguita dall’adozione da parte del Consiglio mediante procedura scrittaNon esiste un modo “equilibrato” di violare la sicurezza delle comunicazioni online, anzi, è tecnicamente impossibile concedere l’accesso a comunicazioni criptate in modo sicuro solo per scopi “leciti”. Non appena i servizi di messaggistica consentiranno la decodifica delle comunicazioni private, ad esempio attraverso l’implementazione di backdoor o la fornitura di chiavi master, la sicurezza delle comunicazioni sarà infranta una volta per tutte – e non solo per gli scopi “legittimi” previsti dai governi nazionali. Una volta che la crittografia sicura sarà infranta, si aprirà la porta allo spionaggio di massa da parte di servizi segreti stranieri e gruppi di hacker. Chiunque sacrifichi la crittografia sicura per consentire le intercettazioni distruggerà la protezione dei segreti personali, dei segreti industriali e dei segreti di stato. Poiché la crittografia assicura evidentemente l’esercizio effettivo e la protezione della libertà di espressione e di opinione, qualsiasi violazione della crittografia può avere effetti negativi su questi diritti fondamentali[3]. In quanto tale, contrariamente a quanto sostenuto dalla Presidenza, non esiste una via di mezzo tra la difesa dei “diritti fondamentali e la sicurezza digitale dei governi, dell’industria e della società” e la violazione della crittografia sicura end-to-end. Pertanto, faccio appello alla Sua responsabilità in quanto rappresentante dei servizi pubblici di tutelare il diritto fondamentale alla privacy e alla sicurezza delle nostre infrastrutture di comunicazione digitale, salvaguardando le nostre comunicazioni private da interferenze di terzi e delle autorità nazionali e respingendo la risoluzione proposta.

Cordiali saluti,

Riferimenti:
[1] Consiglio dell’Unione Europea: “Progetto di risoluzione sulla crittografia -Sicurezza tramite crittografia e sicurezza nonostante la crittografia”, 06 novembre 2020, disponibile al link: https://files.orf.at/vietnam2/files/fm4/202045/783284_fh_st12143-re01en20_783284.pdf [2] Moechel, Erich: “Auf den Terroranschlag folgt EU-Verschlüsselungsverbot”, ORF-Online, 08 November 2020, disponibile al link: https://fm4.orf.at/stories/3008930
[3] Davide Kaye: “Report of the UN-Special Rapporteur on the promotion and protection of the right to freedom of opinion and expression David Kaye”, presented to the United Nations Human Rights Council, Twenty-Ninth Session on 22 May 2015, disponibile al link: https://www.undocs.org/A/HRC/29/32